Pages

Il 2010 nerazzurro

Goran Pandev, arrivato all'Inter
nel Gennaio 2010, subito in gol
Mercoledì 6 Gennaio 2010, comincia con l'ardua trasferta di Verona il nuovo anno dell'Inter, sfida vinta 1-0 dalla banda di Mou, con in campo Goran Pandev dal 1'. Decide Balotelli per la tredicesima vittoria nel girone di andata. Tre giorni dopo, ore 20,45, anticipo di serie A: al Meazza va in scena spettacolo puro contro un Siena che all'89' conduceva 2-3 e che al 92' si è ritrovata con il tabellino finale che la vedeva sconfitta 4-3, con le reti di Sneijder e Samuel, che portano alla vittoria e che seguono quelle di Milito e proprio un'altra perla dell'olandese. 16 Gennaio, si vola in quel di Bari dove l'Inter, sotto di due reti a zero, causa la doppietta di rigore di Barreto, rimonta due reti con il primo gol in nerazzurro in stagione di Goran Pandev, e con Milito che sigla il definitivo pareggio su rigore. 


Il gol nel derby dopo 9' del Principe
Quella con i pugliesi anticipa un'altra sfida importante, quella del derby contro il Milan di Leonardo: Milito dopo 9', Pandev prima di uscire ed il 2-0 è servito per la gioia dei tifosi nerazzurri e di Mourinho che si prende i meriti del gol del macedone, complice di averlo fatto restare in campo. Giovedì 28 Gennaio, ancora Meazza, ancora derby, questa volta d'Italia, valevole per la semifinale di coppa Italia, in scena Inter-Juventus, con gli ospiti che passano a causa di una papera di Toldo su tiro di Diego, ma prima Lucio al 72' e poi Balotelli al 90' eliminano i bianconeri, volando in semifinale dove il Mercoledì successivo Milito regala l'antipasto: nei primi 90' trionfa l'Inter. 7 Febbraio, festa nerazzurra con Pandev, Samuel e Milito che in 40' chiudono la pratica Cagliari e si concentrano sulla successiva sfida, quella contro il Napoli che termina 0-0. Stesso esito la sfida che segue, quella con la Sampdoria, con un arbitraggio non perfetto di Tagliavento, le due espulsioni a Samuel e Cordoba e le manette di Mou: secondo la stampa, l'Inter non sa più vincere. 24 Febbraio, Milano, sfida attesissima: solito copione? Ovvero, anche quest'anno fuori agli ottavi? Dopo due minuti però Diego Alberto Milito mette i puntini sulle "i", e Cambiasso il punto finale, il tutto intervallato da una virgola di Kalou. L'Inter torna grande. Ci si ributta nel campionato, si va ad Udine, al Friuli. Passano loro con Pepe, ma prima Balotelli, poi Maicon e poi Milito mandano in estasi il pubblico interista, che va via dallo stadio con i tre punti in tasca ed un 3-2 rischioso. Ma l'Inter secondo la stampa non convince e nel mese di Marzo perde punti fondamentali: 1 sola vittoria in campionato (con il Livorno), 2 sconfitte (con Catania e Roma) e altrettanti pareggi con Genoa e Palermo.

Sneijder manda l'Inter in semifinale!
Nel frattempo Mou e la sua corazzata si gettano in Europa, e colgono due successi, entrambi per 1-0, il primo contro il Chelsea che sancisce la qualificazione ai quarti, e l'altro proprio nei quarti di finale contro il Cska con Milito che ad una manciata di minuti dal termine sigla il successo nerazzurro. L'Inter successivamente batte il Bologna 3-0 e torna a sognare in Europa con il gol di Sneijder al 6' in Russia contro il Cska: è semifinale! La gioia però dura poco: il Sabato i nerazzurri a due minuti dal termine inciampano al Franchi contro la Viola, la Roma batte l'Atalanta e si porta in testa a cinque giornate dal termine. Intanto Mourinho ed i suoi vincono al Franchi, questa volta in coppa Italia e approdano in finale, proprio contro la Roma di Claudio Ranieri: quarta  finale tra le due squadre in cinque anni. Si torna al Meazza, e l'Inter batte la Juventus anche in campionato, con un gran gol di Maicon e quello conclusivo di Eto'o, dopo 90' solo nerazzurri.

Maicon-gol: l'Inter demolisce i campioni del Mondo!
Tre giorni dopo arriva a Milano la corazzata spagnola, il Barcellona. Pedro colpisce inizialmente, ma il cuore nerazzurro trionfa: Sneijder, Maicon, Milito, il tris è servito. Si resta a Milano, arriva l'Atalanta di Tiribocchi che la porta in vantaggio dopo 5'. Ma i ragazzi di Mourinho sfoderano un altro tris, con le marcature di Milito (pallonetto), Mariga e Chivu, entrambi per la prima volta in gol con la maglia dell'Inter. E' arrivato però il momento della verità: Barcellona, 28 Aprile 2010, Camp Nou. L'Inter attua una tattica ultra-difensiva con Messi, Pedrito, Bojan, Henry, Xavi ed Iniesta che concludono poco: Mourinho vola, Valdes tenta di fermarlo ma viene respinto, l'INTER E' IN FINALE DI CHAMPIONS LEAGUE.
Non c'è però tempo di festeggiare, bisogna recuperare in campionato. La Roma perde in quel di Genova a tre giornate dal termine, la Lazio regala il successo all'Inter: OH NOOOOO...I nerazzurri tornano in testa! La successiva vincono entrambe, con l'Inter che ne rifila 4 al Chievo.
Tre trofei in 17 giorni: l'Inter è leggenda!
Il 5 Maggio è duello all'Olimpico: Roma-Inter, finale di coppa Italia. Mou vuole portare il primo trofeo a casa e ci riesce con una splendida vittoria per 1-0 con gol del "Principe". L'Inter vince anche il suo 18.mo scudetto della storia con la vittoria sorta nei minuti finali al Franchi di Siena. Ora la mente è solo verso Madrid, Mourinho piange, segno d'addio, ma prima di mollare tutto vuole alzare al cielo la sua terza coppa dell'anno che vorrebbe dire TRIPLETE = LEGGENDA. Bernabeu, Madrid, 22-05-2010: l'Inter con doppietta di Milito regna e sale sul trono d'Europa, Mou piange e va via con l'auto di Perez. A Milano arriva Rafa Benitez.
L'Inter è ancora campione...questa volta del MONDO!
L'esperienza del tecnico spagnolo dura però solo sei mesi. L'iberico porta la squadra di Moratti a trionfare ancora contro la Roma, in Supercoppa Italiana il 21 Agosto, ma perde un tassello importante della sua storia: la Supercoppa Europea che terminerà nelle mani dell'Atletico Madrid. 

Dopo mesi e mesi di pareggi, vittorie e sconfitte (mai così tante negli ultimi anni), delusioni e garbatezza, Benitez sbotta dopo la vittoria nel mondiale per Club. Moratti non ha più pazienza, i tifosi nemmeno, ora si aspetta il nome del nuovo allenatore. Noi però vi annunciamo...

BUONE FESTE E CHE IL 2011 SIA RICCO DI SUCCESSI A MO' DI 2010: GRAZIE INTER!

3 commenti:

Emanuele ha detto...

Buone Feste amico e Felice anno nuovo a forti tinte nerazzurre.
Che 2010 indimenticabile!
Auguri ancora.
Emanuele

Entius ha detto...

AUGURO A TE E AI VISITATORI DI QUESTO BLOG BUONE FESTE!!!

http://www.calciorum.blogspot.com/

LeNny ha detto...

Ciao, tanti auguri di Buon Natale a te ed i tuoi cari. Passa delle ottime feste.

Ciao. :)

LeNny

Posta un commento

 
Copyright (c) 2010. Blogger templates by Bloggermint